Avvisare di contenuto non adeguato

Che cos'è un vitigno?

{
}

 TAGS:undefined

Il campo vinicolo è complesso ed il voccabolario usato in questo settore è anche complicato. Però che cos'è un vitigno? Pocche persone interrogate sanno rispondere a questa domanda. Ecco alcune spiegazioni.

Definizione del vitigno 

Il vitigno è la varietà dell'uva. Come per le mele ed i pomodori, esistono diverse varietà, di cui i gusti e le caratteristiche sono differenti. Necessitano anche delle attenzioni e delle esigenze differenti.

Ci sono dei vitigni bianchi e dei vitigni rossi. Si riscontrano migliaia di tipi diversi di vitigni nel mondo, ma l'80% della produzione mondiale è realizzata a partire da una ventina. I più famosi sono il Chardonnay ed il Sauvignon bianco per i vini bianchi ed il Pinot noir, il Cabernet franc, il Cabernet sauvignon, il Merlot, il Syrah ed il Grenache per i vini rossi.

Per consentire l'evoluzione di una varietà d'uva o di un vitigno, alcuni elementi devono essere presi in considerazione. Tutti i vitigni non si adattano proprio bene ad ogni tipo di suolo. Poi, c'è il clima. Tutte le variazioni climatiche che esistono tra le regioni o i paesi non sono adatti a tutti i vitigni. E così via: la lista è lunga. Tutti questi elementi influiscono sul gusto del vino, anche se non sono gli unici.

Differenza tra vino di assemblaggio e monovitigno 

Un vino monovitigno è un vino elaborato a partire da un unico vitigno. Molti vini monovitigni sono prodotti in Borgogna. I vini rossi sono prodotti a partire da Pinot noir ed i vini bianchi a partire da Chardonnay. Nonostante tutto, tutti i vini non sono similari. Il terroir, l'orientazione di ciascuna parcella, l'effetto annata, il lavoro del viticoltore nelle sue viti e nella sua cantina dà sempre un vino diverso. I vini d'America e Oceania (Stati-Uniti, Argentina, Australia, Cile, Nuova Zelanda, Africa del Sud) hanno contribuito in modo rilevante a rendere questi vitigni di moda. Ciascuno vitigno corrisponde ad un gusto in particolare.

In Francia, per esempio, la tradizione è piuttosto di fare vini di assemblaggio, come nella regione di Bordeaux. Sono vini elaborati a partire da parecchie varietà di uve. Il viticoltore cerca di armonizzare e di equilibrare al meglio i vini. È una tapa molto importante per i viticoltori. Si tratta di mescolare diversi tini della stessa annata, da parcelle e vitigni diversi. Ciascuna varietà di uva è dotata di una qualità diversa ed una volta i vitigni assemblati, il vino è più equilibrato ed armonioso. Qualche varietà portano della leggerezza, altri della potenza e della struttura, altri dell'acidità e della freschezza. Nonostante, i viticoltori non possono fare gli assemblaggi che vogliono e come lo vogliono. Tutto ciò è regolato dalle DOC. I Champagne sono un caso a parte e non utilizzano questo sistema.

La ricerca della perfezione può portare i viticoltori ancora più lontano nell'arte dell'assemblaggio o del vino monovitigno. Un viticoltore può mescolare dei vini di due parcelle però dello stesso vitigno per equilibrarli. Una, perché sarà orientata al Nord, ed l'atra al Sud oppure perché sono entrambi delle parcelle con giovani viti. Potrà anche decidere di produrre un vino a partire da uve provenienti da una sola parcella con delle vecchie viti. I vitigni sono quasi sempre indicati sulle etichette. 

Quale vino scegliere?

Bisogna bere molti vini diversi per sapere i gusti che vi piacciono. Se amate i vini bianchi fruttati allora un Riesling, un Muscat oppure un Sauvignon bianco vi piacerà. Se preferite i vini più austeri, allora provate un Chardonnay. Per i vini rossi, l'invecchiamento è anche molto importante. Se un vino invecchia in barrique e non solo in un tino di acciaio inossidabile, allora sarà più potente. In questo caso, non tutto dipende del vitigno. Il Merlot è un vitigno assai pocco potente per esempio, al contrario, di solito, il Cabernet Sauvignon ed il Malbec sono potenti. I Bordeaux, i vini del Roussillon e del Languedoc sono in molti casi degli assemblaggi.

La nostra selezione:

 TAGS:Miraval Rosé 2015Miraval Rosé 2015

Miraval Rosé 2015

 

 

 TAGS:Château Latour-Martillac 2011Château Latour-Martillac 2011

Château Latour-Martillac 2011

{
}

Lascia il tuo commento Che cos'è un vitigno?

Identificati su OboLog, o crea il tuo blog gratis se ancora non sei registrato."

User avatar Your name