Avvisare di contenuto non adeguato

Perché un vino può costare più o meno di un altro?

{
}

 TAGS:undefinedOgni tanto leggiamo o sentiamo che in una degustazione alla cieca un vino molto più economico ha battuto uno molto più costoso. Può succedere, naturalmente. Ci sono alcuni vini di 5 € che, comparativamente, non hanno nulla da invidiare a quelli dia 20 €, ma ciò non vuol dire che vini da 20, 30 o 100  euro non valgano quello che dice l'etichetta.

La qualità ha dunque sempre relazione con il prezzo? Per esempio, uno studio pubblicato nella primavera del 2008 dal Journal of Wine Economics, al quale parteciparono 506 persone (di cui il 12% era ben informato sulla materia) ha concluso che quelli che ne sanno di meno valutavano meglio i vini più economici, mentre gli intenditori trovavano una migliore relazione tra il prezzo e la qualità del vino. 

Come si può dedurre dallo studio, ci sono alcune qualità del vino che vengono fuori se si conoscono meglio i vini rispetto a quelle riconosciute dal consumatore medio. Avendo, dunque, una certa padronanza della tematica, si possono apprezzare maggiormente i vini. Si deduce automaticamente che una maggiore esperienza sul vino permette di apprezzare più qualità senza nulla togliere al gusto personale (alla fine la cosa più importante è che si beva il vino che più ci piace).

Ma, al di là di studi e conoscenze, e come spiega David Williams in un articolo recentemente pubblicato su The Guardian, il prezzo del vino si spiega anche per le questioni di tasse, il costo del terreno o del marketing, elementi totalmente necessari affinché il vino raggiunga le nostre tavole.

Per cominciare, più costoso è un vino, più elevata sarà l'IVA riscossa su di esso e ciò contribuisce a aumentare il prezzo. Poi c'è la questione dei prezzi dei terreni: in luoghi come il Bordeaux o la Champagne francesi i costi sono astronomici, anzi sono i più costosi al mondo di gran lunga. Quindi questo influisce anche sul prezzo finale del prodotto.

Inoltre, non possiamo dimenticare che ci sono processi più costosi rispetto ad altri, che richiedono più mani e più tempo di elaborazione e quindi più investimenti. Se un produttore seleziona le migliori uve prima e durante la vendemmia e lo fa manualmente, si deve pagare più di quello il suo lavoro e ciò si noterà nel prezzo finale (e molto probabilmente in termini di qualità).

Quindi ha senso pensare che il più delle volte un vino più caro ha caratteristiche che aumentano il suo valore, senza però nulla togliere ai vini di prezzo inferiore. Al contrario, la cosa migliore è essere in grado di godere di un vino tenendo in considerazione l'occasione e la situazione. Perché ... non sempre vogliamo mangiare caviale, no? Ebbene, lo stesso può accadere con il vino.

 TAGS:Villa Sandi Prosecco FrizzanteVilla Sandi Prosecco Frizzante

Villa Sandi Prosecco Frizzante

 

 

 TAGS:Col Vetoraz Prosecco Extra DryCol Vetoraz Prosecco Extra Dry

Col Vetoraz Prosecco Extra Dry

 

 

{
}

Lascia il tuo commento Perché un vino può costare più o meno di un altro?

Identificati su OboLog, o crea il tuo blog gratis se ancora non sei registrato."

User avatar Your name